Skip to main content

Questo test è disponibile anche nelle seguenti lingue:

Test della personalità filosofica

Il Test della personalità filosofica misura a quale di sette venerabili filosofi somigli di più.

A quale filosofo somigli? Per ciascuna delle seguenti domande, indica di seguito quanto bene ti descrive.

Domanda 1 di 35

Ho un talento per le polemiche.

Non sono d'accordo
Sono d'accordo

CONTINUARE

Il Test della personalità filosofica di IDRlabs (IDR-PPT) è stato sviluppato da IDRlabs.

Il test presenta i seguenti filosofi:

Nietzsche: Nietzsche è stato un filosofo tedesco e un critico culturale. Per quanto riguarda la sua biografia, esprimeva disprezzo e disgusto per il comportamento dei più e li derideva incessantemente. Nietzsche credeva che tutta la filosofia fosse autobiografica e che i nostri cosiddetti "principi" fossero realmente influenzati dal nostro interesse personale e dalle nostre esperienze fisiche e sensoriali. Inoltre, consigliava di non vivere una vita eccessivamente prudente e ordinata, senza alcun rischio, poiché i risultati che potrebbero derivare dal correre rischi potrebbero portare alla crescita personale. Inoltre, Nietzsche sosteneva che la verità oggettiva era impossibile: possono esistere solo prospettive e interpretazioni guidate dagli interessi e dalle esperienze di una persona. Per Nietzsche era importante che ogni individuo trovasse un significato nella propria vita e che vivesse in accordo con quel significato

Kant: Grande scienziato e grande filosofo, Kant mirava a fondere gli scritti di Newton con la filosofia del suo tempo. Per Kant, la mente umana contiene le facoltà che appaiono intessute nell'universo fisico (come la quantità, la causalità, l'esistenza della totalità, ecc.). Queste facoltà interagiscono con la realtà così com'è in sé, creando una sintesi che ci appare “oggettivamente vera” pur essendo, in realtà, vera solo secondo la sintesi tra le categorie razionali della mente umana e la “materia” grezza della realtà che per noi è inconoscibile nella sua forma non sintetizzata. Kant fu anche un pensatore notevole nel campo dell'etica, dove ne sviluppò l'approccio basato su regole e riassunse il suo insegnamento nell'imperativo categorico: un'azione può essere etica solo se può essere seguita come principio generale da tutti i membri della società, in tutte le situazioni simili.

Platone: Platone proponeva che l'unica vera conoscenza coinvolga il pensiero razionale, che alla fine viene sublimato nella conoscenza intuitiva e mistica del bene. Secondo Platone, alla fine di questo viaggio si trova un'esperienza di illuminazione, in cui l'anima afferra la fonte metafisica dell'universo tutto in una volta, dissipando ogni ignoranza e raggiungendo la saggezza immortale. Poiché l'anima è immortale ed è nata molte volte prima della sua vita presente, ha già visto molte cose, sia in questo mondo che nei mondi al di là di questo. D'altra parte, Platone postulò che non tutti siano in grado di salire questa scala della conoscenza fino alla trascendenza mistica. Hanno appetiti che li rendono più adatti a essere lavoratori e schiavi, mentre coloro che sono dominati dall'onore e dal coraggio sono più adatti a essere soldati e nelle forze dell’ordine.

Aristotele: Aristotele fu, soprattutto, motivato dalla sete di conoscenza, una ricerca che portò a termine raccogliendo dati su tutto, dagli animali e le piante alle costituzioni politiche e alle rappresentazioni teatrali. Con la mente di un ingegnere o di uno scienziato, Aristotele trovò rapidamente delle ricorrenze nei dati, raggruppando tutto per punti in comune, proprietà e strutture complessive. Usando una razionalità distaccata, Aristotele applicò questi principi anche agli esseri umani, classificandoli per temperamento, genere, razza e varie altre proprietà, con un'astuzia equilibrata che fece leggere e celebrare le sue osservazioni nel corso dei secoli. Per quanto riguarda la felicità, Aristotele credeva che si ottenesse meglio facendo ciò che ci viene naturale e facendolo bene; in altre parole, per realizzare il proprio scopo e diventare un esempio di eccellenza umana.

Hume: Hume era scettico nei confronti della maggior parte delle credenze, siano esse religiose o derivate dalla pura razionalità senza dati sperimentali a sostegno. Di conseguenza, l'attrito con le ortodossie consolidate del suo tempo era un tema costante nella sua vita. Come gli altri empiristi che lo hanno preceduto, Hume credeva che i contenuti della mente provenissero solo dall'esperienza. Hume è noto per il problema dell'essere e del dover essere, chiamata anche Legge di Hume: la proposizione secondo cui non è possibile derivare un "essere" da un "dovere" (per esempio, non è possibile passare dalla proposizione morale “tutti dovrebbero essere ugualmente intelligenti”, alla proposizione fattuale “tutti sono ugualmente intelligenti”). Hume ha anche proposto enormi sfide a concetti come causalità e induzione, sfide che alcuni considerano non siano mai state risolte fino a oggi.

Epicuro: Epicuro consigliava ai suoi seguaci di vivere una vita semplice. Per esempio, il loro cibo e le loro bevande consistevano principalmente in pane e acqua, con il formaggio come rara concessione. Molto frainteso dai posteri, Epicuro in realtà consigliava di evitare i piaceri intensi perché spesso erano seguiti dal dolore, sia per eccesso di permissività sia per aver perso l'accesso ai piaceri stessi. Epicuro sosteneva che i piaceri più forti e più insoliti avrebbero, allo stesso tempo, reso meno gradevoli e meno potenti i piaceri comuni, privando così l'uomo che si abbandona ai piaceri rarefatti dell'opportunità di godersi una vita semplice e tranquilla.

Diogene: Diogene scelse di diventare un senzatetto e si stabilì dentro un grande vaso di terracotta sul marciapiede. Rimase nella sua abitazione di strada, dove scioccò la cittadinanza ateniese attraverso comportamenti apparentemente folli e rozzi, alternati a insulti e detti saggi occasionali. Si potrebbe dire che Diogene sia stato il primo punk della storia, un vero provocatore a cui importava poco del proprio benessere o della propria incolumità fisica, deridendo sia il nobile Platone che il potente conquistatore e re Alessandro in una spietata dimostrazione di quanto apparissero presuntuosi se visti attraverso la lente della sua filosofia sconvolgente e implacabile e della sua visione della vita. Diogene inoltre disapprovava la religione convenzionale e credeva che i costumi sociali fossero invenzioni umane e che aderirvi portasse all'ipocrisia.

In qualità di editori del presente Test della personalità filosofica, che consente di esaminare sé stessi per rilevare i segnali di questo tratto, ci siamo sforzati di rendere il test il più affidabile e valido possibile sottoponendolo a controlli statistici e di convalida. Tuttavia, i quiz online gratuiti come il presente Test della personalità filosofica non forniscono valutazioni o raccomandazioni professionali di alcun tipo; il test è fornito interamente "così com'è". Per ulteriori informazioni sui nostri test e quiz online, consultare i nostri Termini di servizio.

Test della personalità filosofica

Perché utilizzare questo test?

1. Gratuito. Questo Test della personalità filosofica viene fornito gratuitamente e permette di ottenere i propri punteggi relativi alle caratteristiche di Nietzsche, Kant, Platone, Diogene, Aristotele, Hume ed Epicuro.

2. Controlli statistici . L'analisi statistica del test viene condotta per garantire la massima accuratezza e validità dei punteggi del test.

3. Realizzato da professionisti. Il presente test è stato realizzato con il contributo di persone che lavorano professionalmente con la psicologia e la ricerca sulle differenze individuali.